Esplorando Bled e dintorni: alla scoperta dei prodotti tipici in fattoria

Messaggi

Informazioni / Messaggi 238 Views

Fattoria, campagna, Bled

La cittadina di Bled e il lago su cui si specchia sono sicuramente una tappa imperdibile del vostro viaggio in Slovenia. Ma basta allontanarsi di pochi kilometri per scoprire un mondo intero lontano dai riflettori, fatto di distese verdi, fattorie e tradizioni locali.

La Slovenia vince il primo premio per la sostenibilità a livello mondiale. Un titolo meritato perchè proprio tutti, dalla città più frequentata alla piccola fattoria a conduzione familiare, fanno dell’attenzione all’ambiente una priorità.

Fattoia in campagna vicino a Bled, Slovenia

Fattoria in campagna, Foto di Robert Ostheimer via unsplash

Bled: una Perla Alpina che non smette mai di stupire

Bled è, insieme a Bohinj, una delle due Perle Alpine slovene. Un piccolo gioiello incastonato tra le Alpi Giulie e il Parco di Triglav, affacciato su uno specchio d’acqua che rende Bled la terza meta al mondo da visitare, secondo la Lonely Planet.

Potete passeggiare attorno al lago immersi nel verde del bosco, o anche avventurarvi sulle tipiche barche senza motore e così raggiungere lo splendido e caratteristico isolotto. Qui si trova la famosa campana dei desideri: impossibile non sentirla rintoccare almeno una volta mentre siete lì (o sulla bellissima promenade). Abbiamo esplorato Bled e tutte le sue curiosità e attività da fare! Potete leggerle tutte qui.

Lago di Bled, Slovenia

Lago di Bled, foto di Emma Trevisan

Appena si arriva a Bled, si percepisce subito l’atmosfera magica che il lago sa creare. Ed è sicuramente motivo d’orgoglio per tutti gli abitanti del piccolo paese e delle zone circostanti.

Abbiamo avuto l’opportunità e la fortuna di poter conoscere alcuni di loro a Selo, piccolo borgo a quasi 1 km di distanza da Bled.

Ecosostenibilità a due passi da Bled: la Fattoria Mulej

Fattoria Mulaj, Bled, Slovenia

Fattoria Mulaj, Bled, foto di Emma Trevisan

La Fattoria Mulej è un agriturismo a gestione familiare, a quasi un kilometro di distanza dal Lago di Bled e dal suo centro principale. Qui, nel piccolo paesino di Selo, ci si sente subito a casa: gli edifici bianchi e ben curati, tanti fiori dai colori sgargianti e soprattutto, una vastissima distesa di verde.

Ci accoglie Jože, il proprietario della fattoria, che ha preso in mano le redini dopo suo padre e chi prima di lui. Ci racconta che qui la fattoria è conosciuta con il nome di Fattoria di Stojan, dal nome del primissimo proprietario, che nacque nel lontano 1692.

Esterno della Fattoria Mulej, mulej-bled.com Accoglienza, mulej-bled.com Prodotti a km 0, mulej-bled.com

Jože e la sua famiglia ci fanno accomodare in una piccola ed accogliente sala da pranzo e ci offrono le loro specialità culinarie, tutte prodotte con grande cura ed attenzione alla filiera corta. Un’ampia varietà di salumi, ricotte e tipici formaggi della zona, serviti con del buon pane fresco e del vino.

La proprietà è vastissima, di circa 100 ettari: qui vengono allevati circa 150 capi di bestiame, oltre a numerosi altri animali. Le tecniche adottate di recente per la gestione di un numero così alto di animali sono davvero innovative e ne rimaniamo piacevolmente sorpresi. La regola d’oro di Jože e far star bene i suoi animali: trascorrono molto tempo all’aria aperta e quando piove trovano rifugio in un capanno luminosissimo, perchè possano godere comunque della luce e degli spazi ampi.

Fattoria Mulej, allevamento e stagno Fattoria Mulej, foto di Emma Trevisan Fattoria Mulej, foto di Emma Trevisan

Qui vengono munte da un sistema automatico, che permette a Jože di avere innanzitutto più latte, ma anche più tempo da dedicare alla cura degli animali. Anche la pulizia degli ambienti avviene in maniera automatica, grazie a dei piccoli robot.

Alla Fattoria Mulej un’altra regola importantissima è la sostenibilità e l’attenzione al risparmio energetico, cosa di cui Jože e la sua famiglia sono molto fieri. Come? Innanzitutto grazie ai pannelli solari, che riescono a raccogliere ogni anno molta più energia rispetto a quella necessaria per far funzionare la fattoria, garantendole così l’autonomia energetica.

Inoltre le biomasse, come trucioli di legno ed altri scarti, servono al riscaldamento di due grandi strutture a Bled (un hotel ed un’azienda). Dato che è necessario molto olio per il funzionamento dei macchinari agricoli, questo viene compensato con il riuso degli scarti di lavorazione.

Trucioli e biomasse, fattoria Mulej

Trucioli e biomasse, foto di Clem Onojeghuo via unsplash

L’agriturismo è anche fattoria didattica: qui i più piccoli (ma non solo) possono imparare cosa vuol dire vivere a contatto con la natura e con gli animali, come prendersene cura e capire quanto tutto ciò sia importante.

&

Bled ed i suoi dintorni non finiscono mai di sorprendere. Non vi resta che partire alla volta di questo piccolo gioiello sloveno e scoprirne tutti i segreti!

&

Se ti è piaciuto questo articolo, potrebbe interessarti anche:

Scappo dalla Città: 20 idee per una vacanza in fattoria

Vivere in campagna ti allunga la vita

La Giornata Mondiale delle Api: una conquista per il nostro ecosistema

L'articolo Esplorando Bled e dintorni: alla scoperta dei prodotti tipici in fattoria é stato pubblicato originariamente Ecobnb.

Comments